Seppur il Natale di Lorenzo fosse stato spostato alla cena nessuno se ne era dispiaciuto. La mamma però non aveva retto fino al dolce e Lorenzo l’aveva accompagnata nella sua stanza per farla riposare. Prima di riscendere nel salone a mangiare il pandoro si era fermato nel suo studio per chiamare Federico.

Ultima notizia

“Questo Natale abbiamo avuto pure un bambino appena nato” Lorenzo era tornato ancora sulla faccenda dopo che avevano convenuto sul fatto che il Natale questa volta fosse stato veramente buono. Tanto alla fine si era trattato solo di accelerare lo spostamento della mamma rimasta ancora in clinica mentre suo figlio veniva trasferito agli Spedali civili (che vengono ancora chiamati così nonostante il nome sia cambiato). Però se non fossero intervenuti non avrebbero avuto l’occasione di vedere tanti neonati proprio il giorno di Natale.

In più era stata impedita la depressione di una mamma da una parte e una probabile crisi nevrotica di Marta dall’altra. A questo punto, sentito Lorenzo compiaciuto che fossero pure riusciti a distribuire i pacchi, Federico era arrivato alla notizia lasciata per ultima.
“Considerando che il viaggio non puoi programmarlo prima, ormai ho lasciato il passaporto per gennaio.” gli aveva detto.

Natale senza Anna

“L’inizio di un anno completamente nuovo…” aveva fatto la sua constatazione Lorenzo senza essere né sorpreso né contrariato.
“In tutto e per tutto, eh Lord?”.
“Sai, ti dirò, avrei proprio bisogno di una vacanza ma dovrò prepararmi bene – stava convenendo con Federico – a dirti la verità ad oggi non so nemmeno come affrontare la situazione.”.   

“Ora, finito il più grosso, ti puoi anche rilassare.” Federico lo diceva davvero, speranzoso perché anche lui si augurava che il prossimo gennaio fosse più tranquillo. “Vedrai che ti verrà l’idea giusta.”.

Lorenzo si sentiva pronto per rimettere a posto la sua vita sentimentale ma sapeva anche che stavolta non avrebbe potuto sistemare tutto con un regalo, una cena o un viaggetto qualsiasi. Non si trattava solo della motivazione per la quale Anna aveva deciso di allontanarsi, il problema stava proprio nel fatto che per così tanto tempo Lorenzo senza Anna non c’era mai stato.

Proposta di Marta

Per ora, anche se aveva conseguito qualche passo, nel complesso non sapeva che approccio usare. Proprio nel giorno di Natale aveva ricevuto anche l’offerta di Marta. Gli avrebbe potuto effettivamente fare comodo avere l’appoggio della migliore amica ma non le dava tanto affidamento. Già da prima sapeva che Anna aveva per Marta una considerazione e la sua opinione per lei contava, però Lorenzo conoscendola da più vicino non ne era tanto convinto.
Davanti a lui in due situazioni di bisogno Marta aveva agito in modo diametralmente opposto. In occasione della sua urgenza personale essendo quasi disperata e invece per la partenza di Anna la sua partecipazione era stata indifferente. Se ne ricordava ancora, era stata quasi compiaciuta di non dovergli dire nulla, mentre ora lei stessa si offriva di rivelare tutto.

Natale di Lorenzo  

Non importa che Lorenzo lo sapesse già. Comunque stava pensando di non includere Marta nel suo piano, seppure ancora per niente chiaro. Intanto prendeva tempo e per questo aveva deciso di non voler forzare nulla. Per esempio stava per fare come un cittadino qualsiasi il passaporto. Voleva andare, non sapendo ancora dove, ma intendeva essere preparato a qualsiasi scelta.

Certo, aveva degli oggettivi impedimenti per non poter risolvere la situazione prima ma anche degli altri che aggiungeva. Si frenava per la lunga lettera che Anna gli aveva lasciato, per la distanza che lei aveva creato volando fino alle Canarie e la sua volontà di non farglielo sapere.
Gli basterebbe la carta d’identità ma non vuole presentarsi davanti ad Anna con la proposta di andare dovunque lei desideri senza poterlo fare. Qualcosa, sentiva, doveva intraprenderla. A questo proposito, prima che scatti la mezzanotte, la frase che gli gira in testa da un paio di giorni. Sì, decide di farlo, non ha più tempo d’indugiare… il giorno di Natale sta per finire…

Anche nel mondo che vivo senza di te non porto più la tonaca, però nel mio cuore sei rimasta sempre tu.
Buone feste, dolce Anna.

Messaggio inviato
25 dicembre 23:45

Marta e Lorenzo prima, VOLONTÀ DI ANNA

Per legare ancora di più seguimi su:

contatti, instagramcontatti, facebookcontatti, pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto