Il 31 dicembre nelle ore a esaurire il web consegna messaggi augurali collegando chi è rimasto solo, chi in compagnia vuole di più, per i soliti convenevoli o abitudine. Succede purtroppo anche col riflesso condizionato, invece nel migliore dei casi l’augurio viene guidato semplicemente dall’amicizia o per amore.

Anna ci aveva pensato ogni giorni che era passato da quando aveva ricevuto il messaggio di Lorenzo.  

Anche nel mondo che vivo senza di te non porto più la tonaca, però nel mio cuore sei rimasta sempre tu. 
Buone feste, dolce Anna.”

Messaggio inviato 
25 dicembre 23:45 

Ogni giorno, per un attimo solo, ma ci pensava.
Rispondere o non rispondere?

31 dicembre

Caterina → mamma:
Buon Capodanno, stai tranquilla, ci vediamo l’anno prossimo 😘 ti voglio bene! ❤

Michel → Marta:
Peccato non festeggiare Capodanno insieme, torna presto che dobbiamo recuperare 😉

Marta → Anna:
ti auguro un grande anno nuovo, che tutto vada come lo vuoi e che tu sia felice. Ci sentiamo a mezzanotte? 🤩

Melania → Marta:
Ciao, ne approfitto prima del pranzo, tantissimi auguri soprattutto da me e da Loris Martin. Piace anche a mia madre che però dice che starebbe meglio Martin Loris. Per adesso l’importante è che stiamo tutti bene, grazie ancora! (Foto del bambino.)

Teodoro → il suo compagno:
Ti serve ancora qualcosa per la cena?

Marta → Lorenzo:
Grazie ancora per tutto! Buon Anno 😀

Lorenzo → Anna:
L’anno che se ne sta andando lo saluterò pensando a te. Voglio credere che riaprirai la porta per entrare nell’anno nuovo insieme a te ❤

Alcuni messaggi vengono cancellati dal mittente, alcuni non vengono spediti affatto. Quasi tutti, considerati banali e inutili mangia spazio, smettono di esistere, insufficienti per un pensiero incompiuto, perso per sempre.

Fra tanti che fanno piacere, sufficienti dal pensiero di una persona cara, ci sono quelli che vanno dritti a colpire l’obbiettivo. Sono quelli, formulati sulla base della conoscenza reciproca, di quando l’autore impiega coraggio per esprimersi a prescindere.

Anna → Lorenzo:
Buon anno a te.
Ho perso la chiave

Leggi anche: Capodanno peggiore, uomo migliore 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto