SCARPE E FIORI, 180 giorni – 33 –

0
135
views
SCARPE E FIORI, 180 giorni - 33 -

L’esorbitante numero di scatole contenenti le mie scarpe non è una semplice dimostrazione della mia passione per le calzature. Purtroppo possono anche quantificare il mio shopping compulsivo in certe situazioni, specialmente negli ultimi tempi.

Per 3.000,00 euro, quante scatole di scarpe si potrebbero acquistare, considerando l’importo medio di 100 euro per paio? Una domanda facile bambini, vero? Se invece le scarpe in media costassero 55 euro? Oppure una più difficile. Facciamo che il 20% dell’importo totale rappresenta l’acquisto di scarpe da 110 euro e il 35% invece il prezzo di 54 euro. Il resto delle scarpe è stato pagato 20 euro al paio. In quale percentuale sono le scarpe da 20 euro? Quante scarpe da 20 euro acquista Anna nella giornata della sua massima incazzatura?

Sto dando i numeri

e non c’è da meravigliarsi. Mi ritrovo un esubero di 3.000 euro sul conto e non so da chi. Nel senso, lo so, Lorenzo ha detto di avermi fatto “un versamento”. Gli ho detto che non volevo i suoi soldi e non m’immaginavo di certo l’importo così tanto superiore rispetto al solito. Ancora meno di trovare come mittente, al posto di Lorenzo, la signora Magalli!

Quindi Anna, calma. Siediti, magari sul terrazzino. No, prima vado giù in cucina a prendermi da bere. Perché diavolo una non può rimanere contenta, godersi la risposta di un eventuale datore di lavoro? Nel frigorifero c’è qualche gratifica. No, i dolci stavolta non ci riescono. Una bottiglia. Bianco, pazienza. Ora che fumo pure, dove avrò lasciato il pacchetto? Su per le scale, come se sul terrazzino mi aspettasse qualcuno d’impaziente. Una boccata d’aria, un bicchiere fresco, almeno è frizzante, e la sigaretta. Un mix battagliero, sono aggressiva con me stessa.

“Io ti dirò di godertela e basta.”.

Qualsiasi motivazione sia.”
Marta è d’accordo su tutta la linea. Che la Magalli probabilmente sia la madre di Lorenzo ma pensare che sia una liquidazione per lei non ha importanza. Dice che potrebbe essere benissimo anche un semplice calcolo di quanto mi può servire fino alla scadenza del contratto. Fino alla fine dei 180 giorni, insomma.

“Sì, Anna, prendila sul semplice.”

“Ad ogni modo è sempre una liquidazione, un solito calcolo premeditato in linea coi suoi ragionamenti” ricalco la mia incazzatura. Mi ribadisce il fatto di godermela, senza ovviamente fare shopping “se non ci sono per caso delle novità” mentre io sento un brivido gelido passare per la mia schiena.
“Tieniti stretti i soldi, anzi, spostali su una ricaricabile che è più sicuro per te.”.

“Mi dici come giustifico tutto?”

“Con quello che c’è nella causale, e comunque fregatene Anna, prendi i soldi e non farti patitemi.” Marta sta passando le conseguenze del cambio di idea da parte di suo marito, che sta facendo il furbo.
“I soldi sono sul tuo conto? Sono stati mandati a una certa Anna? Allora sono tuoi. Piglia!”

Per fortuna Marta deve andare. Come saluto m’ha intimato con le sue parole sudiste di smetterla di fumare. L’ha capito anche nello smartphone. Tanto quando andrò alle Canarie, senza se e ma, smetterò per forza. Il peggio sarà dirglielo.

Fiori

Nessuno mi conosce bene come Marta. Scommetto che non sarà sorpresa ma le dispiacerà e mi farà male. Il mio futuro si picchia con quello di Marta. Dovrò portarle tutti i miei fiori. Quello che ne resta. Mi piaceva tanto prendermene cura. Erano i miei bambini. Crescevano bene e io li coccolavo. Ora che forse si sono anche ripresi dal trasloco, ormai non capiscono i miei umori. Patiscono. Staranno bene con Marta. Lei è una mamma vera. Ci sa fare, il suo spirito di sacrificio non ha confini.

Scarpe

Io mi verso ancora un bicchiere e penso alle mie scarpe, Marta ha un numero più piccolo. Scarpe da ginnastica e fiori in mezzo alla natura, questo è il mio domani. Un altro bicchiere, un tiro di sigaretta e un bel tramonto, che oggi non mi sono persa.

 

 

180 giorni QUI

Per legare ancora di più seguimi su Facebook: Parole di legami
per una collaborazione mi trovi su Linkedin,
le mie foto e video curiosi sono su Instagram e YouTube,
le mie passioni le incollo su Pinterest
se sei fan di Google+ sappi che ci sono ma con delle difficoltà.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Please enter your name here